HOME

Rispetto

 

   In data 15 gennaio 2018 ho scritto al Sindaco per chiedere di essere informato sui procedimenti seguiti nell'assegnazione di locali comunali a tre associazioni operanti sul territorio.

   La risposta non è stata molto chiarificatrice, ma poichè alcuni adempimenti si rinviavano di alcuni mesi, in data  26 luglio 2018 ho inviato al Sindaco un'altra richiesta di chiarimenti (Cliccare qui per leggere la richiesta) e in data 24 agosto 2018 ho ricevuto una risposta (Cliccare qui per leggere la risposta) con la quale si fa sapere che le cose da fare non erano ancora state fatte e che gli uffici avrebbero provveduto a quantificare le utenze e a mettere a ruolo Suppletivo la TARI (ma il ruolo Ordinario non esiste?).

   Ho la sensazione che il rimborso forfettario delle utenze non sia ben quantificabile dato che i dati di partenza dei contatori con ogni probabilità non sono stati registrati e che se si arriverà a far pagare qualcosa alle Associazioni sarà una cifra simbolica (suggerisco 1€ per ogni singola utenza e semestre di pagamento).

   Per la TARI non credo che sarà possibile la cifra simbolica suggerita, ma può essere auspicabile un contributo alle Associazione pari all'imposta dovuta.

   La mancata risposta alle mie richieste mi fa pensare a problemi, che l'amministrazione non riesce o non può risolvere e di conseguenza ho insistito presso il Prefetto di Chieti in data 11 gennaio 2019 e successivamente presso il Presidente della Repubblica in data 14 febbraio 2019.

   Pensate che sia riuscito ad avere le risposte ai miei quesiti? Manco per idea.

   In ultima istanza non mi resta che rivolgermi a qualche istituzione europea che tutela i diritti dei cittadini.

   Uscendo, però, fuori dalla metafora viene da chiedersi: ma le cose non dovevano cambiare? e le opposizioni dove sono?

      Resto comunque sempre in attesa di risposte, che non arrivano e che sono nascoste in qualche cassetto del nostro Comune e di un'amministrazione nuova che si comporti nella trasparenza affermata solo sulla carta e non nei fatti.