Camillo Coccione

   CAMILLO COCCIONE Ŕ nato a Roma nel 1940. Risiede a Poggiofiorito (CH), rýdente centro agrýcolo dell'entroterra ortonese. E' figlio di Tommaso Coccione, uno dei pi¨ grandi fisarmonicisti degli anni '30. Come figlio d'arte, non poteva non fare arte. E', perci˛, poeta e musicofilo o musicista e dal 1982 Ŕ concertatore, arrangiatore e direttore della Corale "T.Coccione" di Poggiofiorito, uno dei pi¨ validi gruppi folcloristici abruzzesi.

   Scrive prevalentemente in vernacolo. Nel 1988 ha pubblicato "Vulije di cante",  una raccolta di poesie in dialetto abruzzese. Scrive anche in prosa: un suo racconto dedicato al mare, alla vita del mare, ha vinto un prestigioso premio nazionale (Coccione Ŕ diplomato dell'Istituto Nautico di Ottona). Lavora a Poggiofiorito, impiegato comunale, perci˛ vive immerso nei problemi socio-umani d'ogni giorno.

   La sua quasi patologica sensibilitÓ lo porta a simpatizzare con la storia di ieri e di oggi della gente fra la quale si muove e dalla quale trae spinta, ispirazione, il dovere morale di celebrare il dolore, le ansie, le disillusioni, i drammi materiali e psicologici, le distruzioni delle speranze quasi realtÓ della comunitÓ circostante, della famiglia, di sÚ.

   Camillo Coccione ha conseguito allori di gran prestigio nella vita poetico-culturale abruzzese e nazionale.

Luciano Flamminio - Settembre 1994