Lu retrapelone!

 

- Bbad'a ccuss ca nu retrapelne!

- Sa saputaggiust' lu piatte nghe le retrapulare.

- Si move gne nu retrpele.

Pu darsi che ci siano rapporti tra lu retrpele (o retrpene), arnese di legno per rivoltare il grano messo ad asciugare, o di ferro per tirar fuori la brace dal forno, e lu retrapelne (o retrapulne), detto di persona imbrogliona e bugiarda e comunque in grado di rigirare la pizza per far credere ci che non .

Di sicuro a fattor comune i due termini hanno lidea d rivoltare o d frugare dappertutto, cos che lo stato iniziale non identico a quello successivo all'azione.

La differenza sta nel fatto per che il movimento de lu retrpele consente una modifica in positivo, quello (metaforico) de lu retrapelne torna a suo esclusivo vantaggio.

Ma, se in un contesto diciamo pure arcaico, lu retrapelne era facilmente individuato e non costituiva certo un paradigma comportamentale, oggi che la categoria prolificata a dismisura, diventato soggetto di emulazione.

Pu darsi, per altro verso, che il nostro termine venga dalla voce italiana popolaresca trappolone, (imbroglione abituale), pu darsi che come il suo sinonimo trapulne (detto in genere di persone piccole quanto a statura o anche di ragazzini) abbia a che fare con il verbo greco trepo/trepomai. Volgo/mi volgo (indicato peraltro dal Finamore).

Positivamente eutrapulos era stato Odisseo (ma era Odisseo!), capace di muoversi bene per uscire dalle molte impervie situazioni che gli ritardavano l'approdo a Itaca,