Elezioni ed elezioni...

   Si sa che durante le campagne elettorali per l'elezione del sindaco si dividono le amicizie più longeve e finanche le parentele più strette, ma durante quelle per le elezioni politiche tutto si dimentica i gruppi si ricompongono e i risultati delle comunali non sono più attendibili.

   A Roccacastello succede la stessa cosa per cui gli appartenenti ad un colore politico ben difficilmente cambiano casacca a meno che non si vadano a toccare interessi maturati negli anni.

   A questo criterio dovevano essersi conformati i consiglieri d'opposizione le cui liste non avevano vinto le elezioni comunali, perchè intere famiglie le avevano abbandonate ed erano emigrate su rive più confortevoli.

   Queste trasmigrazioni avevano prodotto il risultato di far vincere una lista, che nel corso della sua nuova esperienza amministrativa aveva ricompensato questi transfughi con misure preferenziali e di favore.

   Di fronte a questa situazione una lista d'opposizione che si rispetti avrebbe dovuto far fuoco e fiamme in consiglio comunale, denunciare le manovre clientelari e cercare di mettere in difficoltà un'amministrazione che aveva fatto della trasparenza e del rispetto dei diritti dei cittadini i suoi cavalli di battaglia in campagna elettorale.

   Invece niente di tutto questo, tutti zitti e che le cose seguitino ad andare come sono sempre andate fino ad un recente passato, che tutti dicono di voler dimenticare.

   Perchè tutto questo? Probabilmente perchè a Roccacastello, come negli altri paesi della nazione, ci sarebbero state a breve le nuove elezioni politiche e il voto dei transfughi era bene recuperarli e riportarli all'ovile, per cui scordiamoci del passato e facciamo finta che niente sia successo anche se a guadagnarci poi sarebbero stati sempre i soliti noti.

   Cosa non si è disposti a fare per recuperare dei voti...