Caduti

    Ogni tanto sulla rete ricorre periodicamente la polemica sulla targa dei Caduti di Nassiriya, trasformata dall'attuale Amministrazione nel ricordo di tutti i Caduti per l'Italia senza distinzione alcuna.

   Senza voler andare molto indietro nel tempo e partendo da quello che ancora molti dei nostri anziani ricordano, la strage di Cefalonia, mi permetto di fare un elenco numerico, e senza riportarne le generalitÓ, dei nostri morti in servizio all'estero in missione di pace.

- 1949, un finanziere muore in Eritrea;

- 1950, un carabiniere muore in Eritrea;

- 1952, due carabinieri muoiono in Somalia;

- 1961, 13 aviatori periscono nella strage di Kindu, in Congo;

- 1973, un militare dell'esercito muore in Egitto;

- 1983, un marinaio muore a Beirut;

- 1992, quattro soldati e quattro aviatori muoiono in Croazia e in Bosnia;

- 1993 sette soldati muoiono in Somalia;

- 2003, Strage di Nassiriya;

- 2006, quattro soldati morti in Iraq;

- tra il 2006 e il 2013 altri 65 morti in Afghanistan.

   Spero di non averne dimenticato altri e mi auguro che non ce ne siano pi¨ per il futuro, per cui viene spontanea la domanda: PerchŔ la targa solo per i caduti di Nassiriya?

   Il nostro Monumento ricorda invece tutti i caduti, senza alcuna distinzione di appartenenza.