Il Centenario (4)

   (...) Dopo circa quattro anni di mancata amministrazione, S. Vito si ridesta per riprendere il cammino rispondente alla sua civiltÓ ed al suo progresso.

   Ci ridestiamo, o Signori, in un giorno fatidico, il giorno in cui nove anni or sono le nostre superbe fanterie con slancio e con fede oltrepassavano l'infame confine per rettificarlo col sacrificio del loro sangue.

   Ci ridestiamo nel medesimo momento in cui si apre la nuova Camera Italiana, quella da noi tanto sognata ed invocata in cui la MaestÓ del Re pu˛ rifulgere in tutto il suo splendore per l'opera immane di ricostruzione compiuta dal nostro Duce Magnifico Benito Mussolini.

   Non saprei meglio concludere che invitarvi a rivolgere il pensiero alla nostra Patria pi¨ grande santificata dal sangue di mille e mille eroi, e a cooperare efficacemente per le sue maggiori fortune in cui sono comprese le nostre.

   Il Consiglio nomin˛ il Sig. Marino sindaco, che ringrazi˛ con queste parole:

   Vi ringrazio della fiducia accordatami. Come primo atto della mia amministrazione vi propongo la cittadinanza onoraria all'artefice della nuova Italia, all'uomo che tutto il mondo ci invidia per energia di volere e capacitÓ di azione, al duce invitto Benito Mussolini.

   (...) Per S. Vito fascista eia eia eia alalÓ.

   Il Consiglio, con applausi ed entusiasmo, cui si unisce il numeroso pubblico che assiste alla seduta, approva con voto unanime il conferimento della cittadinanza onoraria a S.E. Benito Mussolini.